13

Tredici sono i principi attivi che ricorrono nelle preparazioni fitoterapiche di Etnopharma: Cesare Grandi ha colto la provocazione di far uscire dal laboratorio di famiglia questi tredici elementi per accoglierli nella sua fucina, a distanza di un passo, nel suo ristorante La Limonaia.

La Storia di Cesare è un lunghissimo passaggio di testimone tra antenati Medici che praticavano la sacra Scienza, l’instancabile ricerca nella più grande farmacia esistente che è il mondo delle Piante e lui.
Una lente che condensa e riformula un sapere antico, l’arte del curare che si manifesta attraverso la sua cucina.
Ma si tratta di cibo colto, mai banale nell’emozionale ricerca della purezza delle materie prime, il primo atto di riconoscimento di sé, della propria identità.

Tredici è un’esperienza sensoriale che vuole condurre un po’ più in là rispetto al limite percettivo del gusto, dell’olfatto e della vista: è la costruzione di uno spazio dentro di sé dove aiuteremo i sensi a fondersi per raggiungere un plateau inesplorato.
Si manifesta quando i sensi accesi e accordati sublimano per diventare una sola grande esperienza. Annusando, gustando, ammirando si ricrea in ciascuno il mosaico della propria Storia: questo è il senso di Tredici, di ricondurre da dove siamo partiti.

Nel giardino d’inverno del Cabanon, il vecchio laboratorio, un grande tavolo sociale appositamente creato accoglierà i nostri ospiti che si troveranno a condividere la tavola ed il viaggio.

Piante officinali, resine e crostacei sono solo alcuni dei protagonisti di un viaggio attraverso il tatto del gusto accordato sulla perfetta frequenza cellulare: ogni stanza di Tredici risuonerà su musica sintonizzata a 432Hz.

Il completamento della sinergia tra laboratorio e cucina si realizza nell’espansione dei profumi che seducono l’immaginario e l’inconscio.
Per ogni portata abbiamo studiato un particolare profumo che sarà diffuso con speciali lampade o racchiuso nella consistenza di un concrète massaggiato sui polsi ad accompagnare ogni boccone.

Tredici è un numero perfettamente bilanciato: intorno al nostro tavolo siederanno 11 commensali curiosi e i due autori (…che pennellata di colore ci vogliamo dare?) per percepire, chiudere gli occhi, chiedere, assaporare, imparare.